Scuola: la protesta per avere attività alternative all’ora di religione

Pubblicato da lorenzo in News, Scuola

Mentre nelle scuole cresce il numero di bambini che non frequenta l’ora di religione – come rivelano i dati della Conferenza Episcopale Italiana, organo dei Vescovi della Chiesa cattolica – in alcune scuole non si da la possibilità di svolgere attività alternative in quell’ora perché le scuole non avrebbero i fondi per arruolare i docenti per svolgere queste attività.

É il caso di una scuola di Mestre dove i genitori degli alunni delle classi elementari hanno deciso di inscenare una protesta – protesta cui si associano, mobilitandosi per solidarietà, anche i genitori cattolici – e nessun alunno sarà iscritto a frequentare l’ora di religione.

Questo ‘sciopero dell’ora di religione’, che potrebbe presto coinvolgere altre scuole di Venezia e del Veneto, ha come obiettivo quello di far ingaggiare alla scuola insegnanti per attività alternative per i bambini che l’ora di religione non la frequenteranno.

Per la protesta poi, in una data che si sta decidendo e che potrebbe essere il 12 marzo, i bambini resteranno casa e non andranno a scuola.

Intanto è nato il “Comitato genitori per l’ora di Alternativa” ( e-mail oradialternativa@gmail.it) un osservatorio con lo scopo di mettere in relazione le famiglie interessate a questa esperienza.

Fonte | corrieredelveneto.corriere.it
Foto | Flickr