Mondiali di Calcio in Sudafrica: tutti in campo contro il traffico di bambini

Pubblicato da lorenzo in News, Sport

In Sudafrica si teme per la possibilità che si possa approfittare dello svolgimento dei Mondiali di Calcio in corso per commettere attività criminose legate al traffico di donne e bambini.

Il Paese, infatti, e’ una tra le mete più ambite in Africa per il turismo sessuale, tanto che si stima che 2,1 milioni di bambini siano vittime del traffico a scopo di sfruttamento sessuale o per altri lavori pesanti.

Per questo il Sudafrica si è impegnato a collaborare con l’UNICEF durante lo svolgimento del torneo, quando le scuole rimarranno chiuse. ”Siamo molto felici della Coppa del Mondo, ma sappiamo che un evento di questa grandezza apre anche delle opportunita’ per i criminali che trafficano in donne e bambini”, ha aggiunto il Presidente del Sudafrica Jacob Zuma.

La campagna ‘Mondiali Sudafrica 2010: tutti in campo contro il traffico di bambini’ (www.tuttincampoperibambini.it) vuole tutti sulla vulnerabilità dei minori africani a fenomeni come sfruttamento sessuale e abusi.
“Vorremmo che nessun turista si macchiasse di violazioni ai diritti fondamentali dei minori”, ha sottolineato Raffaele Salinari, presidente di Terre des Hommes, “ogni viaggiatore dovrebbe testimoniare con il suo comportamento, anche al di fuori degli stadi, il vero spirito sportivo, cosi’ come formulato da Pierre de Coubertin, mostrando rispetto e comprensione per tutti”.
La vigilanza di tutti, ha aggiunto, “e’ la garanzia migliore affinche’ non sia tradito lo spirito che anima i mondiali”. Gli fa eco Marco Scarpati, presidente di Ecpat-Italia: “Il campionato di calcio e’ un momento di gioia e di incontro. E’ bene vigilare affinche’ nessuna vittima innocente sia coinvolta in momenti di follia e di violenza.

Il video Tutti in campo per i bambini: Terre des Hommes e Ecpat

Video contro la tratta dei bambini Terre des Hommes e Ecpat