Terremoto: il 20% dei bambini aquilani rivive il trauma del sisma

Pubblicato da lorenzo in News, Salute

Il terremoto aquilano non ha solo lasciato tracce nella città, ancora piena di rovine, ma anche dentro le persone, soprattutto nei bambini che sono i più vulnerabili.

E’ quello che dimostra uno studio scientifico presentato dall’Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma, un progetto chiamato “Rainbow” e voluto dagli specialisti dell’ospedale con cui hanno collaborato anche la Caritas italiana e 50 pediatri abruzzesi.
Lo studio ha dimostrato come il 20% dei bambini de L’Aquila, quindi un bambino su cinque, rivive ogni notte la traumatica esperienza del sisma del 6 aprile 2009, manifestassero disturbi psicopatologici a distanza di un anno da quella notte.

Il campione dello studio comprende più di 7 mila bambini tra i 3 e i 14 anni che si trovavano nelle zone epicentro del sisma, a cui sono state sottoposte una serie di domande, e i risultati dicono che il 20% dei soggetti è affetto da disturbi che vanno dagli stati d’ansia a disturbi riconducibili alla cosiddetta “Dpts”, ovvero la sindrome post traumatica da stress.

Per aiutare i bambini a superare il trauma la seconda fase dell’iniziativa prevede visite specialistiche che si effettueranno presso la “Casa Stella polare” di Torretta a L’Aquila.