A piedi tra le nuvole: gite per bambini al Parco Nazionale Gran Paradiso

Pubblicato da Michela in Ambiente e animali, Sport, Tempo libero

Tutte le domeniche di luglio, agosto e a ferragosto, le famiglie più attive e amanti della natura incontaminata potranno trovare percorsi per i loro piedi al Parco Nazionale Gran Paradiso, dove come ogni anno da 11 edizioni ha preso piede il progetto “A piedi tra le nuvole”, che promuove una mobilità dolce, regolamentando il traffico automobilistico lungo la strada che conduce al Colle del Nivolet e favorendo gli spostamenti a piedi, in bici e con navetta.

photo credit: smenega via photopin cc

photo credit: smenega via photopin cc

Il Nivolet è uno splendido pianoro di torbiere e ambienti umidi a 2.500 metri di altitudine, disegnato dai meandri della Dora. È l’habitat di stambecchi, camosci, marmotte, ermellini, volpi, uccelli migratori e stanziali, e di specie floristiche rare. Si raggiunge a piedi su comodi sentieri dalla Valsavarenche e in auto da Ceresole Reale. Da sempre meta di ciclisti ed escursionisti, negli ultimi anni – specie nelle domeniche estive – il Nivolet si trasformava sempre più spesso in un grande parcheggio ad alta quota. In alternativa a questo utilizzo, incompatibile con le finalità di un parco, nel 2003 è stato avviato un progetto che, accanto alla regolamentazione del traffico, prevede il rilancio dell’intera area con proposte turistiche di qualità.

Tutte le domeniche di luglio, agosto e a ferragosto, gli ultimi sei chilometri di strada sono chiusi al traffico automobilistico privato. Si possono percorrere a piedi, in bici o in navetta. Fino al Lago Serrù si può salire con la propria auto, oppure utilizzare la navetta che parte da Ceresole Reale, con numerose fermate lungo il tragitto. Senza l’inquinamento dell’aria e da rumore prodotto dalle auto, questi ambienti sono un vero paradiso, con paesaggi, profumi e colori che non hanno nulla da invidiare a mete lontane.

Nei weekend di luglio e agosto un ricco calendario estivo di eventi invitano a scoprire l’area protetta come  luogo ideale per una vacanza “sostenibile” e a contatto con la natura. Escursioni guidate, mostre, rievocazioni storiche e rappresentazioni teatrali, concerti e degustazioni di prodotti locali con le guide del Parco, gli alberghi, i rifugi, i ristoranti, gli artigiani e i prodotti tipici del territorio.