Obesità infantile: in America Michelle Obama lancia Let’s Move!

Pubblicato da Michela in Alimentazione, News, Salute

L’obesità infantile e i problemi dell’alimentazione sono ormai una questione pressante e preoccupante al punto da aver suscitato l’interesse personale di Michelle Obama. La First Lady ha dato vita al progetto globale Let’s Move!, che ha l’obiettivo di risolvere il problema dell’obesità nell’arco di una generazione in modo che i bambini nati oggi possano crescere in salute e più sereni.

lets_move_4

Let’s Move! è un progetto ambizioso, che sfrutta differenti strategie e conoscenze per dotare i bambini piccoli e le loro famiglie delle informazioni necessarie a fare delle scelte alimentati corrette e salutari. Ma l’attività di Let’sMove non si risolve dentro alla famiglia, dato che prevede anche forniture continue di cibi sani nelle scuole, strumenti per l’accesso di ogni famiglia ad alimenti benefici e la promozione dell’attività fisica tra i bambini e i ragazzi.

In occasione del lancio dell’iniziativa, il presidente Barack Obama ha firmato un memorandum presidenziale con il quale ha creato ufficialmente la prima Task Force on Childhood Obesity della storia americana e mondiale. La Task Force ha il compito di condurre una revisione dei programmi e delle politiche in materia di nutrizione e attività fisica nell’infanzia. Attualmente, le raccomandazioni della Task Force si concentrano sui cinque pilastri di Let’s Move:

  1. Creazione delle condizioni favorevoli per una prima fase di vita salutare
  2. responsabilizzazione dei genitori e degli operatori sanitari
  3. Forniture di cibi sani nelle scuole
  4. Maggiore accessibilità al buon cibo per le famiglie
  5. Promozione dell’attività fisica

Tutta l’iniziativa Let’s Move si basa sul presupposto che ognuno – dai genitori agli insegnanti e agli operatori sanitari – ha un suo ruolo da svolgere nella battaglia all’obesità infantile. Anche per questo motivo il sito http://www.letsmove.gov/ rappresenta un’importante fonte di informazione e di suggerimenti non solo per comprendere al meglio i rischi dell’obesità infantile e le strategie per combatterla, ma anche per affrontare ogni giorno con idee per cucinare, fare la spesa, promuovere l’attività fisica e il gioco nei bambini.