Conversations: pittura e social per far parlare di bimbi con handicap

Pubblicato da Michela in App, Edutainment, News

I bambini con bisogni speciali combattono ogni giorno per comunicare. Nell’istituto Manzil School di Dubai, dove studiano dei ragazzi con handicap, si sta tentando di offrire ai giovani studenti un’altra possibilità di comunicazione attraverso l’arte e il disegno affinché le loro parole non dette possano prendere forma di meravigliose opere visive.

Print

Dal lavoro compiuto in classe ha preso vita una mostra chiamata “Conversations”, grazie alla quale i ragazzi hanno avuto modo di far sentire a più persone il loro pensiero, instaurando un dialogo con il mondo.

Un semplice dispositivo ha permesso alle persone di ascoltare ciò che i bambini avevano da dire e di registrare una risposta alimentando in questo modo una vera e propria conversazione. Si stratta di un approccio integrato che ha coinvolto una pluralità di mezzi di comunicazione, portando effettivamente notevoli risultati.

Una applicazione su Facebook ha poi consentito il proseguimento della comunicazione ben oltre l’evento, alimentando anche una raccolta fondi in favore della scuola. La vera ricompensa, però, è stata la gioia dei bambini nell’ascoltare le parole di incoraggiamento provenienti dai visitatori della loro mostra.

Visto il successo dell’iniziativa, la mostra Conversations è diventata stabile e continuerà ancora per diverso tempo a far sentire questi bambini eccezionali piuttosto che delle eccezioni.