Con SoccOrso nasce l’ambulanza a dimensione bambino

Pubblicato da Donatella in News, Primo Piano, Salute

Novità assoluta in Italia, l’”ambulanza a dimensione bambino” è stata realizzata dall’associazione “118 bimbi” – Giorgio Patrizio Nannini Onlus con il supporto di Ferno International Italia, Oscar Boscarol Emergency Systems e della Confraternita della Misericordia di Livorno per consentire ai soccorritori di gestire le criticità di tipo tecnico e ralazionale del trasporto sanitario dei bambini.

Ambulanza SoccOrso1

Da oggi ad aiutare i soccorritori ci sarà SoccOrso, l’orso che spiega quello che sta accadendo all’interno dell’ambulanza tranquillizzando i piccoli pazienti.

faq

La stragrande maggioranza delle ambulanze in Italia non è dotata di attrezzature adatte al trasporto in sicurezza (e secondo le norme) dei bambini, mentre le ambulanze denominate “pediatriche” sono, per lo più, comuni ambulanze con gli interni decorati con qualche adesivo raffigurante personaggi dei cartoni animati o di fantasia e con l’aggiunta di qualche presidio pediatrico, oppure, al contrario, veri e propri “supermezzi“ per trasferimenti pediatrico-neonatali dotati di attrezzature sofisticatissime e di accessori tipo monitor e play station che, però, vengono usati pochissimo e che pertanto non risultano “cost-effective”.

L'”ambulanza a dimensione di bambino“,  invece, è un’ambulanza standard (utilizzabile anche per i pazienti adulti) specificamente progettata per diminuire l’impatto psicologico sul bambino e per consentirne il trasporto in sicurezza. E’ un’ambulanza colorata , senza attrezzature di soccorso in vista, con gli armadi e le cassettiere che sembrano quelli di una cameretta di bambini e con materiale per giocare e disegnare.

Ambulanza SoccOrso2Ambulanza SoccOrso3

La realizzazione di questo veicolo di soccorso innovativo ha permesso di definire un nuovo standard di progettazione per ambulanze che tiene conto delle necessità di trasporto in sicurezza dei bambini e dell’impatto psicologico che un mezzo di soccorso può avere per un piccolo paziente.