I giochi di Elio: tanti giochi per i bambini con handicap (ma non solo)

Pubblicato da Donatella in Edutainment, News, Scuola, Tempo libero

Nell’interessantissimo sito I Giochi di Elio c’è una intera sezione dedicata ai bambini con handicap denominataGiochi per bambini speciali” all’interno della quale si possono trovare delle sotto sezioni di  giochi dedicati ai bambini con limitazioni motorie, ai bambini sordi ai bambini ciechi ed ai bambini down: tutti bambini che, nonostante il loro handicap, sono in grado di giocare con tutti gli altri purché il gioco abbia determinate caratteristiche.

photo credit: Andreas-photography via photopin cc

photo credit: Andreas-photography via photopin cc

Si tratta di giochi che (per dirla on l’autore), “senza la pretesa di presentare attività specifiche legate alle differenti limitazioni, vogliono semplicemente proporre una serie di giochi realizzabili tutti insieme, giochi in cui le differenze tra i bambini non costituiscano uno svantaggio“.
La gran parte di questi giochi dedicati ai bambini con handicap sono stati direttamente collaudati dal creatore del sito Elio Giacone il quale ha evitato di inserire nel sito i giochi che non lo convincevano. 
Elio Giacone, dopo aver frequentato  la scuola per educatori specializzati,  ha lavorato in scuole con bambini con diversi tipi di deficit e da più di trent’anni si occupa del gioco come strumento di animazione, didattico e di conoscenza delle dinamiche di gruppo, realizzando corsi di aggiornamento per insegnanti ed animatori e laboratori di creazione di giochi nuovi.
Non stupisce quindi che, accanto alla sezione dedicata ai bambini con handicap, ce ne siano una serie dedicate ai giochi da tutto il mondo, ai giochi regionali italiani, ed ai giochi nelle più disparate occasioni (linguistici, matematici, da viaggio, da tavolo ,per una festa, da staffetta, da piccina, da spiaggia) fra i  quali spicca  la sezione dedicata ai giochi in ospedale, giochi semplici ed immediati, che si prefiggono lo scopo di “allontanare dai bambini le paure, allentando e attenuando il senso di insicurezza”.